.
Annunci online

AnimeSalve
L'isola che forse c'e'
21 gennaio 2012
Compleanni da bambino

Ventitré anni. Cosa vuoi che sia passato? Sono ancora ad un passo dal grembiule da scolaretto, ad uno sputo dall’adolescente e sento ancora il fiato sul collo del me di ieri. Gioco con giochi di ieri, mi diverto con cose di ieri, sogno come un bimbo e mi trovo spesso a dare tanto credito ai sogni quanto ne potrebbe dare soltanto un bambino; il bagaglio cambia, la forza per trasportarlo mi pare più o meno la stessa.
Continuo comunque a preferire l'entusiasmo del bambino e quindi, chiedendo scusa in anticipo, anche per quest’anno credo che resterò quello che sono.

Pace!




permalink | inviato da Syd il 21/1/2012 alle 1:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte



"Definire è limitare"
Oscar Wilde, "Il ritratto di Dorian Gray"

"Noi ti culliamo, amabile e grave Passione."
Arthur Rimbaud, "Le suore di carità"

"C'era una volta un gatto, un po' speciale. Nel corso dei secoli era nato e rinato più di un milione di volte. Non temeva la morte. Era stato allevato da generazioni di uomini verso cui non aveva provato che indifferenza. A un certo punto decise di diventare un libero gatto randagio. Incontrò una bella gatta bianca e vissero insieme felici e contenti. Passarono gli anni e la sua candida compagna, ormai vecchia, si spense. Lui pianse per più di un milione di volte, e poi la seguì. Non rinacque più."
Cowboy Bebop, da The real folk blues, parte II, episodio 26

"Oggi ci sono persone molto più giovani di me che vogliono fare i poeti di professione. L'altro giorno mi telefona un tale e mi dice: "Sa, io devo vincere un premio, perché ho bisogno di aiutare i miei genitori". Ma per aiutare i genitori ci possono essere molti altri mestieri! Il professionismo poetico non esiste ora, come non esisteva per i nostri maggiori poeti del '900. "
Giovanni Giudici, da “andare in Cina a piedi”.