.
Annunci online

AnimeSalve
L'isola che forse c'e'
17 dicembre 2011
Di una necessità

Ci sarebbe la necessità, ora più di altre volte, di mettersi a dormire. Il momento, però, non può che esercitare un certo fascino: in un silenzio così sincero, che non teme di essere interrotto da chiamate alle armi improvvise, occorre abbandonarsi. Lo stato non è poi tanto differente da quello di un dormiente, essendosi staccati via all’ultimo cambio d’abito del giorno i pensieri di attimi circoscritti e passati, ed avendo ora la mente libera di decidere dove muoversi. L’inerzia del corpo, lasciato ebete dalla partenza dello spirito, somiglia poi a quell’attimo (più o meno dilatato, a secondo di quanto premono gli impegni immediatamente futuri) del primo risveglio, in cui a fatica ci si separa dal nido.
Dove andrebbe il pensiero, se la libertà di cui gode in questo momento fosse prolungata all’infinito?




permalink | inviato da Syd il 17/12/2011 alle 2:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        gennaio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte



"Definire è limitare"
Oscar Wilde, "Il ritratto di Dorian Gray"

"Noi ti culliamo, amabile e grave Passione."
Arthur Rimbaud, "Le suore di carità"

"C'era una volta un gatto, un po' speciale. Nel corso dei secoli era nato e rinato più di un milione di volte. Non temeva la morte. Era stato allevato da generazioni di uomini verso cui non aveva provato che indifferenza. A un certo punto decise di diventare un libero gatto randagio. Incontrò una bella gatta bianca e vissero insieme felici e contenti. Passarono gli anni e la sua candida compagna, ormai vecchia, si spense. Lui pianse per più di un milione di volte, e poi la seguì. Non rinacque più."
Cowboy Bebop, da The real folk blues, parte II, episodio 26

"Oggi ci sono persone molto più giovani di me che vogliono fare i poeti di professione. L'altro giorno mi telefona un tale e mi dice: "Sa, io devo vincere un premio, perché ho bisogno di aiutare i miei genitori". Ma per aiutare i genitori ci possono essere molti altri mestieri! Il professionismo poetico non esiste ora, come non esisteva per i nostri maggiori poeti del '900. "
Giovanni Giudici, da “andare in Cina a piedi”.